Alluvioni in Pakistan. Monsignor Coutts:necessari aiuti urgenti

Alluvioni in Pakistan. Monsignor Coutts:necessari aiuti urgenti

“Stiamo facendo quanto possiamo con le risorse a nostra disposizione, ma abbiamo bisogno di aiuto, molto aiuto”. È l’accorato appello lanciato attraverso la Caritas Internationalis dal cardinale Joseph Coutts, arcivescovo di Karachi e presidente della Caritas diocesana, dopo le piogge torrenziali e alluvioni che negli ultimi due mesi si sono abbattute sul Pakistan. Tra le aree più colpite il Sindh, la provincia di cui Karachi è capoluogo.

“Non abbiamo memoria di una pioggia intensa come quella che si è abbattuta su Karachi negli ultimi due mesi”. Così il cardinale cardinale Joseph Coutts racconta le alluvioni che si sono abbattute sul Pakistan. Il bilancio è al momento di 300 morti e circa 250 feriti, mentre sono oltre 216mila le abitazioni danneggiate. E a favorire le inondazioni, spiega il porporato, sono stati soprattutto l’accumularsi dei rifiuti lungo i canali di scolo, peggiorati dalle scarse piogge degli ultimi anni e il proliferare di abitazioni abusive costruite lungo gli argini dei canali dai numerosi lavoratori immigrati affluiti nella capitale in questi anni. Abitazioni che per questa ragione le autorità pakistane hanno già deciso di demolire: “Il Governo – specifica il cardinale – ha promesso una compensazione e nuovi alloggi per quanti hanno perso la propria casa, ma non sappiamo se, quando e in quale quantità arriveranno gli aiuti”.

L’aiuto prezioso e tempestivo della Caritas
Intanto Caritas Pakistan si è intanto attivata per distribuire pacchi viveri, acqua potabile, tende e teli di plastica alle famiglie colpite. Personale e volontari Caritas stanno inoltre fornendo i primi soccorsi ai feriti e facilitando le operazioni di ricerca, soccorso ed evacuazione. “Gli aiuti immediati forniti da Caritas hanno alleviato le sofferenze della popolazione e fatto sentire alle persone colpite che non sono sole e abbandonate – afferma il cardinale Coutts – ringraziamo Dio per l’eccellente formazione del personale e dei volontari della Caritas che prontamente hanno saputo rispondere a questo come ad altri disastri. Il prossimo e più importante passo, specie dopo che il Governo avrà provveduto alla demolizione delle abitazioni, sarà quello di dare a queste persone una nuova e dignitosa casa. Ma si tratta di un lavoro immane e avremo bisogno di aiuto”.

Alluvioni e Covid:una doppia tragedia
Le alluvioni sono giunte in un momento già drammatico a causa della pandemia di Covid-19 e delle gravi conseguenze delle misure di contenimento. “Per i poveri si tratta di una doppia tragedia perché molti di loro avevano perso il lavoro a causa del Covid-19 e ora hanno perso o perderanno anche la casa”, dice l’arcivescovo di Karachi.

Non scordatevi di fare clic su “MI PIACE” nella nostra pagina Facebook e di seguirci su Facebook per ricevere tutte le notizie, immagini, video e informazioni sempre aggiornate su Papa Francesco.

Fonte: Vatican News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *