Coronavirus, la Chiesa italiana vicina a persone sole e anziani

coronavirus-la-chiesa-italiana-vicina-a-persone-sole-e-anziani

Il direttore della Caritas di Milano Gualzetti afferma che “dal punto di vista dei servizi” si sta “cercando di tenerli tutti aperti, però con tutte le precauzioni del caso”. Il vescovo di Piacenza monsignor Ambrosio invita i fedeli ad affidarsi alla Madonna della Salute

La Chiesa italiana sta collaborando in pieno con le autorità per arginare la diffusione del Coronavirus. A Milano la diocesi ha stabilito che le chiese rimangano aperte; che, negli oratori, non si prevedano incontri, iniziative, riunioni, annullando, in ogni caso, eventi precedentemente fissati; che i funerali e i matrimoni possano essere celebrati, ma con la presenza dei soli parenti stretti.

Dalla Cei piena collaborazione con le autorità
In un comunicato la Cei scrive che “davanti al diffondersi del Coronavirus, alla notizia dei primi decessi, alla necessità di tutelare la salute pubblica, arginando il più possibile il pericolo del contagio, in questi giorni – e in queste ore – si susseguono richieste relative a linee comuni anche per le nostre comunità ecclesiali. Come Presidenza della Conferenza Episcopale Italiana avvertiamo il dovere di una piena collaborazione con le competenti Autorità dello Stato e delle Regioni per contenere il rischio epidemico: la disponibilità, al riguardo, intende essere massima, nella ricezione delle disposizioni emanate. Nel contempo, come Chiesa che vive in Italia, rinnoviamo quotidianamente la preghiera elevata ieri a Bari, nella celebrazione eucaristica presieduta dal Santo Padre a conclusione dell’incontro del Mediterraneo: preghiera di vicinanza a quanti sono colpiti dal virus e ai loro familiari; preghiera per medici e infermieri delle strutture sanitarie, chiamati ad affrontare in frontiera questa fase emergenziale; preghiera per chi ha la responsabilità di adottare misure precauzionali e restrittive. Ci impegniamo a fare la nostra parte per ridurre smarrimenti e paure, che spingerebbero a una sterile chiusura: questo è il tempo in cui ritrovare motivi di realismo, di fiducia e di speranza, che consentano di affrontare insieme questa difficile situazione”

A Milano la Caritas cerca di tutelare assistiti e volontari
Il direttore della Caritas ambrosiana Luciano Gualzetti afferma che si sta cercando di “accompagnare, tutelare il più possibile, oltre che i nostri operatori e volontari, le persone più deboli. Per cui dal punto di vista dei servizi stiamo cercando di tenerli tutti aperti, però con tutte le precauzioni del caso. Per esempio, alle mense stiamo verificando se sia possibile appunto fornire il pasto caldo, con delle vaschette piuttosto che con dei sacchetti, evitando di concentrare le persone in un’unica sala. Mentre per quanto riguarda i centri di accoglienza notturni, ovviamente li teniamo aperti perché sarebbe peggio mandarli in strada, e considerare appunto i centri di accoglienza come le proprie residenze per evitare di costringere la gente ad andare in giro. E lo stesso per i centri d’ascolto e gli sportelli, evitare di tenere aperti delle sale d’attesa dove arriva chiunque, e quindi poi non si capisce bene quali siano le provenienze. Però tenere aperti i centri d’ascolto e gli sportelli, possibilmente fissando degli appuntamenti con le persone, quindi a orari ove si incontrano le singole persone per non lasciarle prive di accompagnamento e della prossimità che i centri di ascolto comunque riescono a garantire”.

A Piacenza il vescovo ribadisce: “Niente panico”
Massima l’attenzione anche in tante altre diocesi del Nord. La diocesi di Venezia ha sospeso le Messe fino al primo di marzo, la stessa cosa avviene a Pavia, mentre a Torino da oggi al primo marzo sono sospese le attività pastorali con la partecipazione di gruppi di persone, tranne le Sante Messe. Messe sospese quasi ovunque a Piacenza e Modena.

A Piacenza il vescovo Gianni Ambrosio esprime vicinanza e invita alla preghiera per le persone ammalate, tra i contagiati – dice – “c’è anche qualche infermiere, anche un medico e quindi questo ha creato un po’ di panico. Però per ora la vita procede ancora abbastanza bene, naturalmente tutte le attività aggregative sono state sospese, per cui anche le celebrazioni delle Messe, ed anche la processione tradizionale del Mercoledì delle Ceneri non verrà fatta proprio per evitare il diffondersi rapido del contagio “. Ai fedeli, monsignor Ambrosio dice che “prima di tutto di non avere paura, di non lasciarsi prendere dal panico, e la seconda cosa che dico è di affidarsi Madonna della Salute perché abbiamo bisogno di confidare nella sua intercessione. La forza della preghiera può aiutarci a superare anche questi momenti di difficoltà”. Dunque, monsignor Ambrosio dice “di non lasciarsi abbattere, faccio mia davvero l’espressione del Papa: non facciamoci rubare la speranza, e soprattutto bisogna pregare perché anche la preghiera aiuta proprio a non sentirsi soli e non sentirsi abbandonati”.

Non scordatevi di fare clic su “MI PIACE” nella nostra pagina Facebook e di seguirci su Facebook per ricevere tutte le notizie, immagini, video e informazioni sempre aggiornate su Papa Francesco.

Fonte: Vatican News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *