Documentario su padre Kino, gesuita “padre fondatore dell’Arizona”

Presentato il documentario “Viva Padre Kino”, considerato il fondatore dell’Arizona

“Ho visto per la prima volta la statua di padre Kino a Washington, nella Hall dove sono le statue dei padri fondatori. Ho visto un gesuita, italiano-tirolese riconosciuto come padre fondatore dell’Arizona e mi sono detta: “ma come, non so niente di questa storia?”. Così la regista Lia Beltrami racconta la nascita del lungometraggio “Viva Padre Kino! Attraverso deserti e frontiere fra Messico e Stati Uniti”, presentato questa sera in antemprima presso Palazzo Pio. Il documentario, che sarà trasmesso da Tv2000, è stato realizzato da Aurora Vision con il patrocinio del Dicastero per lo Sviluppo Umano Integrale. Alla presentazione anche mons. Luigi Bressan, arcivescovo emerito di Trento.

Una vita dedicata a Dio e agli indiani nativi. Eusebio Francesco Chini nasce nel 1645 in Val di Non e viene inviato in Messico come missionario. Geografo, cartografo, esploratore, è stato il primo a definire la California come penisola, dove non solo ha portato il frumento, ma anche inventato la struttura dei ranch portandola dagli allevamenti alpini. La sua storia viene raccontata con i volti e le esperienze di coloro che abitano quelle terre segnate dall’amore di padre Kino.

“Si va dalla devozione più folkloristica-popolare all’acqua o alle gomme che portano il nome di Kino fino a chi fa dei pellegrinaggi a cavallo facendo le migliaia di chilometri che ha fatto a cavallo, alla fine del 1.600, padre Kino”, spiega la regista nella nostra intervista, facendo riferimento anche, dove c’è la frontiera, ai tanti centri di accoglienza dedicati proprio a padre Kino.

Centrale nel documentario il ruolo di padre Kino per i nativi. “Ha portato evangelizzazione, sviluppo, è stato il primo a difendere i nativi, a fare sì che non venissero ritenuti schiavi”- prosegue Lia Beltrami – “ha portato un sistema economico che ha permesso non più un unico raccolto all’anno – e poi il resto dell’anno morire di fame – ma una sussistenza che è diventata la struttura dei ranch. E poi ha fatto capire a fondo che c’è l’umanità, un popolo unico, ed è quello che la figura di padre Kino sta facendo realmente in tutta quella regione di confine così martoriata”.

In queste terre padre Kino fondò le prime missioni, percorrendo a cavallo migliaia di chilometri, spesso nel deserto, ma sempre portando quella speranza che fu il “motore” della sua missione.

Non scordatevi di fare clic su “MI PIACE” nella nostra pagina Facebook e di seguirci su Facebook per ricevere tutte le notizie, immagini, video e informazioni sempre aggiornate su Papa Francesco.

Fonte: Radio Vaticana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *