El Salvador. Mons. Escobar: per combattere le migrazioni, combattere la povertà

El Salvador. Mons. Escobar: per combattere le migrazioni, combattere la povertà
L’arcivescovo di San Salvador, mons. José Luis Escobar ha dichiarato ieri nel corso di una conferenza stampa che il modo per combattere la migrazione è quello di combattere la povertà nelle comunità da cui partono i migranti

Alla fine della scorsa settimana, i governi di Stati Uniti e Messico hanno raggiunto un accordo per evitare che Washington imponga dazi sulle importazioni di prodotti messicani. L’accordo mira a prevenire la migrazione verso gli Stati Uniti e prevede l’adozione di misure quali la militarizzazione della frontiera meridionale del Salvador con il Messico e la partecipazione della Guardia Nazionale per impedire il passaggio dei migranti.

Mons. Escobar critica le nuove misure del Messico
L’arcivescovo salvadoregno ha criticato la decisione del governo messicano di aumentare le misure per bloccare i migranti che entrano in Messico per raggiungere gli Stati Uniti. Durante la conferenza stampa tenuta dopo la Messa domenicale di ieri, l’arcivescovo ha fatto riferimento alla decisione messicana di dispiegare diverse migliaia di truppe della nuova Guardia Nazionale, per rafforzare la sicurezza della frontiera meridionale e impedire così il passaggio di migliaia di migranti dall’America Centrale. Infatti, il commissario del Servizio Federale di Protezione, José Pedro Vizuet, ha confermato l’impiego di 103 poliziotti federali per rafforzare la sicurezza della stazione migratoria di Tapachula, nel Chiapas.

I migranti non sono criminali
L’arcivescovo, riferendosi ai migranti, ha detto: “Mi fa molto male che vengano trattati così. E’ un peccato che siano visti come criminali e che vengano arrestati anche prima di arrivare nel Paese di destinazione (Stati Uniti). E ha aggiunto: “E ‘triste che il Messico, che aveva mostrato una mano tesa, mi riferisco in particolare al Presidente Andrés Manuel López Obrador, che abbiamo visto agire con tanta umanità, ora sembra che abbia cambiato politica. Il prelato ha insistito sul fatto che le misure adottate non risolvono il problema della migrazione, perché non si concentrano sulla soluzione delle cause. Ecco perchè descrive le misure come “disumane, ingiuste e che violano i diritti delle persone”. In questo senso, ha affermato: la Chiesa sarà sempre a favore dei migranti. Inoltre, ha ringraziato le chiese e le persone che lavorano per facilitare il transito dei migranti attraverso il territorio messicano.

Affrontare le cause della migrazione
Mons. Escobar ha invitato i governi del Messico e degli Stati Uniti a contribuire a risolvere i problemi della povertà in El Salvador. “Invece di fare sforzi milionari per fermare i migranti”, dovrebbero investire nelle comunità in cui i migranti lasciano il Paese per la carenza del sistema scolastico e sanitario, l’aumento della violenza e la mancanza di posti di lavoro. “In questo modo, la gente non sarebbe emigrata”, ha detto. Nella stessa conferenza stampa, l’arcivescovo ha presentato la neonata Commissione arcidiocesana per la Protezione dell’Infanzia, composta da professionisti che hanno iniziato il loro lavoro la scorsa settimana.

300 salvadoregni al giorno lasciano il Paese
Dati non ufficiali mostrano che più di 300 persone lasciano El Salvador ogni giorno. Non tutti arrivano negli Stati Uniti, molti vengono ingannati, altri vengono rapiti da bande criminali e sono vittime del traffico di essere umani e altri muoiono lungo la strada o attraversando il deserto in territorio americano.

Oggi, migliaia di centroamericani sono bloccati al confine tra Stati Uniti e Messico. Il maggior numero è lì dallo scorso mese di maggio e le autorità statunitensi hanno dichiarato di non avere fondi o risorse per prendersi cura del crescente numero di genitori e bambini che entrano nel Paese.

Non scordatevi di fare clic su “MI PIACE” nella nostra pagina Facebook e di seguirci su Facebook per ricevere tutte le notizie, immagini, video e informazioni sempre aggiornate su Papa Francesco.

Fonte: Vatican News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *