Gerusalemme: Netanyahu incontra i ministri degli esteri europei

La Francia condanna la decisione degli Stati Uniti di riconoscere Gerusalemme come capitale d’Israele, perché rischia di “aggiungere instabilità alla ragione”. Così Macron è intervenuto sulla crisi in Medio Oriente dopo un incontro a Parigi con il premier israeliano Netanyah

“Anche se non abbiamo ancora nessun accordo mi aspetto che l’Europa seguirà presto gli Stati Uniti nel riconoscere Gerusalemme come capitale di Israele”. Lo ha affermato Netanyahu alla vigilia dell’incontro a Bruxelles con i ministri degli esteri europei. Condanna a ogni attacco contro gli ebrei in ogni parte del mondo è arrivata dal capo della diplomazia europea Mogherini, che ha ribadito la volontà di rispettare lo status internazionale di Gerusalemme.

A Gerusalemme intanto continua a rimanere alta la tensione, con una guardia di sicurezza israeliana accoltellata da un palestinese nella stazione degli autobus della città e ora ricoverata in gravi condizioni.

Nuovi scontri anche a Betlemme, Hebron e Gaza con 1.250 feriti finora, mentre le forze israeliane hanno distrutto un tunnel di Hamas che dalla Striscia raggiungeva il sud del Paese. Previsto in Egitto anche un vertice tra il leader palestinese Abu Mazen e il Presidente al Sisi. Atteso anche il re di Giordania, dove il parlamento ha chiesto di rivedere gli accordi di pace con Israele.

Ieri Papa Francesco, in un comunicato della Santa Sede, aveva esortato i leader mondiali a scongiurare una nuova spirale di violenza in Terra Santa.

Non scordatevi di fare clic su “MI PIACE” nella nostra pagina Facebook e di seguirci su Facebook per ricevere tutte le notizie, immagini, video e informazioni sempre aggiornate su Papa Francesco.

Fonte: Radio Vaticana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *