II Colloquio cristiano-taoista a Singapore

II Colloquio cristiano-taoista a Singapore

L’incontro è organizzato dal Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso in collaborazione con l’arcidiocesi di Singapore e la Federazione Taoista sul tema “L’etica cristiana e taoista in dialogo”

Il Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso in collaborazione con l’arcidiocesi cattolica di Singapore e la Federazione Taoista di Singapore, ha organizzato il Secondo Colloquio cristiano-taoista che si svolgerà presso il Centro P. Jean Marie Beurel, a Singapore dal 5 al 7 novembre prossimi.

Etica cristiana e taoista in dialogo
Il tema “Etica cristiana e taoista in dialogo” sarà studiato nei suoi vari aspetti da 70 studiosi e operatori del dialogo interreligioso. I partecipanti al Colloquio provengono dalla tradizione cristiana e taoista e da Singapore, Cina, Cina, Francia, India, Malesia, Corea del Sud, Svizzera, Vaticano e Taiwan. A rappresentare il Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso saranno presenti il segretario mons. Miguel Ángel Ayuso Guixot, ed il sottosegretario (con responsabilità per il Taoismo) mons. Indunil Janakaratne Kodithuwakku Kankanamalage, mentre mons. Felix Machado e il rev. Peniel Rajkumar rappresenteranno rispettivamente la Federazione delle Conferenze Episcopali asiatiche e il Consiglio Mondiale delle Chiese.

Obiettivi del Colloquio
Questo Colloquio ha due obiettivi principali: 1. offrire agli accademici e agli operatori del dialogo cristiano-toaoista l’opportunità di condividere opinioni e aspetti relativi al tema attraverso il tavolo della conferenza e delle discussioni informali; 2. agire insieme con urgenza e con un comune senso di corresponsabilità, per affrontare il grave degrado umano, etico e sociale del mondo sulla base di un patrimonio di valori morali comuni a tutti gli esseri umani.

Non scordatevi di fare clic su “MI PIACE” nella nostra pagina Facebook e di seguirci su Facebook per ricevere tutte le notizie, immagini, video e informazioni sempre aggiornate su Papa Francesco.

Fonte: Vatican News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *