Il Papa prega perché nella difficoltà possiamo essere uniti superando le divisioni

il-papa-prega-perche-nella-difficolta-possiamo-essere-uniti-superando-le-divisioniNella Messa a Santa Marta, Francesco chiede a Dio la grazia di farci superare le divisioni in questo tempo difficile. Nell’omelia, sottolinea che convertirsi è tornare ad essere fedeli, un atteggiamento umano che non è tanto comune nella nostra vita: la fedeltà nei tempi buoni e nei tempi brutti, fedeltà a Dio e tra di noi

Francesco ha presieduto la Messa a Casa Santa Marta nel martedì dell’Ottava di Pasqua. Nell’introduzione, ha pregato per l’unità:

Preghiamo perché il Signore ci dia la grazia dell’unità fra noi. Che le difficoltà di questo tempo ci facciano scoprire la comunione fra noi, l’unità che sempre è superiore ad ogni divisione.

Nell’omelia, Francesco commenta la prima lettura, un brano tratto dagli Atti degli Apostoli (At 2, 36-41), in cui Pietro annuncia apertamente ai giudei che Dio ha costituito Signore e Cristo quel Gesù che loro hanno crocifisso: a queste parole molti si sentono trafiggere il cuore e si convertono. Convertirsi – afferma – è tornare ad essere fedeli, un atteggiamento umano che non è tanto comune nella nostra vita: la fedeltà nei tempi buoni e nei tempi brutti. Fedeltà anche nell’insicurezza. Le nostre sicurezze non sono quelle che ci dà il Signore, le nostre sicurezze sono idoli e ci fanno essere infedeli. La nostra vita e la storia della Chiesa sono piene di infedeltà. Il Papa termina l’omelia con il Vangelo odierno (Gv 20, 11-18) in cui Gesù risorto appare a Maria di Magdala, piangente vicino al sepolcro. Una donna debole ma fedele, fedele anche di fronte al sepolcro, di fronte al crollo delle illusioni, e diventata “apostola degli apostoli”. Chiediamo a Dio – ha concluso – di custodirci nella fedeltà.

Il Papa: convertirsi è tornare ad essere fedeli


Di seguito il testo dell’omelia secondo una nostra trascrizione:

La predicazione di Pietro, il giorno di Pentecoste, trafigge il cuore della gente: “Quello che voi avete crocifisso è risorto” (cf. At. 2,36). “All’udire queste cose si sentirono trafiggere il cuore e dissero a Pietro e agli altri apostoli: ‘Che cosa dobbiamo fare?’” (At. 2,37). E Pietro è chiaro: “Convertitevi. Convertitevi. Cambiare vita. Voi che avete ricevuto la promessa di Dio e voi che vi siete allontanati dalla Legge di Dio, da tante cose vostre, tra idoli, tante cose … convertitevi. Tornate alla fedeltà” (cf. At. 2, 38). Convertirsi è questo: tornare a essere fedeli. La fedeltà, quell’atteggiamento umano che non è tanto comune nella vita della gente, nella nostra vita. Sempre ci sono delle illusioni che attirano l’attenzione e tante volte noi vogliamo andare dietro queste illusioni. La fedeltà: nei tempi buoni e nei tempi brutti.

C’è un passo del Secondo Libro delle Cronache che mi colpisce tanto. È nel capitolo XII, all’inizio. “Quando il regno fu consolidato – dice – il re Roboamo si sentì sicuro e si allontanò dalla legge del Signore e tutto Israele lo seguì” (cf. 2 Cron. 12,1). Così dice la Bibbia. È un fatto storico, ma è un fatto universale. Tante volte, quando noi ci sentiamo sicuri, incominciamo a fare i nostri progetti e ci allontaniamo lentamente dal Signore; non rimaniamo nella fedeltà. E la sicurezza mia non è quella che mi dà il Signore. È un idolo. È questo ciò che è accaduto a Roboamo e al popolo di Israele. Si sentì sicuro – regno consolidato – si allontanò dalla legge e incominciò a rendere culto agli idoli. Sì, possiamo dire: “Padre, io non mi inginocchio davanti gli idoli”. No, forse non ti inginocchi, ma che tu li cerchi e tante volte nel tuo cuore adori gli idoli, è vero. Tante volte. La propria sicurezza apre la porta agli idoli.

Ma è cattiva la propria sicurezza? No, è una grazia. Essere sicuro, ma essere sicuro anche che il Signore è con me. Ma quando c’è la sicurezza e io al centro, mi allontano dal Signore, come il re Roboamo, divento infedele. È tanto difficile conservare la fedeltà. Tutta la storia di Israele, e poi tutta la storia della Chiesa, è piena di infedeltà. Piena. Piena di egoismi, di proprie sicurezze che fanno che il popolo di Dio si allontani dal Signore, perda quella fedeltà, la grazia della fedeltà. E anche fra noi, fra le persone, la fedeltà non è una virtù a buon mercato, certamente. Uno non è fedele all’altro, all’altro … “Convertitevi, tornate alla fedeltà al Signore” (cf. At. 2,38).

E nel Vangelo, l’icona della fedeltà: quella donna fedele che non aveva dimenticato mai tutto quello che il Signore aveva fatto per lei. Era lì, fedele, davanti all’impossibile, davanti alla tragedia, una fedeltà che la fa anche pensare che è capace di portare il corpo … (cf. Gv. 20,15) Una donna debole, ma fedele. L’icona della fedeltà di questa Maria di Magdala, apostola degli apostoli.

Chiediamo oggi al Signore la grazia della fedeltà: di ringraziare quando Lui ci dà sicurezze, ma mai pensare che sono le “mie” sicurezze e sempre, guardare oltre le proprie sicurezze; la grazia di essere fedeli anche davanti ai sepolcri, davanti al crollo di tante illusioni. La fedeltà, che rimane sempre, ma non è facile mantenerla. Che sia Lui, il Signore a custodirla.

Il Papa ha terminato la celebrazione con l’adorazione e la benedizione eucaristica, invitando a fare la Comunione spirituale. Di seguito la preghiera recitata dal Papa:

Ai tuoi piedi, o mio Gesù, mi prostro e ti offro il pentimento del mio cuore contrito che si abissa nel suo nulla alla tua santa presenza. Ti adoro nel sacramento del Tuo amore, l’ineffabile Eucaristia. Desidero riceverti nella povera dimora che Ti offre il mio cuore; in attesa della felicità della comunione sacramentale voglio possederti in spirito. Vieni a me, o mio Gesù, che io vengo da Te. Possa il Tuo amore infiammare tutto il mio essere per la vita e per la morte. Credo in Te, spero in Te, ti amo. Così sia.

Prima di lasciare la Cappella dedicata allo Spirito Santo, è stata intonata l’antifona mariana “Regina caeli”, cantata nel tempo pasquale:

Regína caeli laetáre, allelúia.
Quia quem merúisti portáre, allelúia.
Resurréxit, sicut dixit, allelúia.
Ora pro nobis Deum, allelúia.

(Regina dei cieli, rallegrati, alleluia.
Cristo, che hai portato nel grembo, alleluia,
è risorto, come aveva promesso, alleluia.
Prega il Signore per noi, alleluia).

(AGGIORNAMENTO ORE 7.46)

Non scordatevi di fare clic su “MI PIACE” nella nostra pagina Facebook e di seguirci su Facebook per ricevere tutte le notizie, immagini, video e informazioni sempre aggiornate su Papa Francesco.

Fonte: Vatican News

One thought on “Il Papa prega perché nella difficoltà possiamo essere uniti superando le divisioni

  1. Fedelta’, un bene che abbiamo perduto, si corre troppo per rimanere fedeli a qualcuno o qualcosa–la politica di “usa e getta” non comprende fedelta’, troppo impegnativo—eppure quando abbiamo trovato chi e’ stato fedele alla parola data, ricordiamo quanta gioiosa incredulita’—–recuperiamo questo bene tra noi, porta serenita’ non ansia—doniamo fedelta’ a chi non ci ha mai abbandonato o tradito—riflettendo possiamo trovare solo Lui, il Risorto——Ivana Barbonetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *