Karol – Un Papa rimasto uomo


Karol - Un Papa rimasto uomo

La storia di Karol Wojtyla da giovane studente, sacerdote, quindi vescovo sotto il nazismo e poi sotto il comunismo, fino al momento dell’elezione al pontificato.

Il cammino di Giovanni Paolo II continua con i suoi primi viaggi per poi subire un duro colpo con l’attentato in piazza san Pietro. Salvatosi miracolosamente, Giovanni Paolo II riprende la sua missione per le vie del mondo, in Centro America, in India.

Dopo la caduta del muro Giovanni Paolo II ha nuove gravi sfide da affrontare, quella del secolarismo, del liberismo, di una cultura della morte. E la sfida della violenza che dilaga nel mondo, la guerra in Iraq, quella nell’ex Jugoslavia, di nuovo in Iraq, poi l’attentato alle Torri Gemelle.

Il Papa continua a difendere la vita umana, a sostenere le ragioni della pace mentre consuma il suo martirio: il tumore, la frattura all’anca, l’insorgere del Parkinson, quindi gli ultimi due ricoveri al Gemelli, l’agonia, la morte.

Sinossi: è quasi un grido lanciato con forza, con passione, dal nuovo Papa polacco nel primo incontro con la folla radunata in piazza San Pietro il 22 ottobre 1978.

E, dopo quel grido, si mette quasi a correre, a braccia aperte, con passo da montanaro, la croce sollevata in alto come un vessillo o una spada. Corre verso la gente, verso i giovani, verso i bambini, verso i malati. Comincia così il pontificato di Giovanni Paolo II.

E così comincia il film che ne racconta momenti, azioni, gesti, nel loro più forte significato e impatto simbolico. Con emozionanti musiche del pluripremiato Ennio Morricone.

Clicca qui per acquistare una copia del DVD

Karol - Un Papa rimasto uomo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.