L’aiuto del Concerto di Natale in Vaticano per i rifugiati in Uganda

L'aiuto del Concerto di Natale in Vaticano per i rifugiati in Uganda

I fondi raccolti durante il concerto annuale di Natale del Vaticano aiuteranno i rifugiati in Uganda attraverso i Padri Salesiani che quest’anno si sono stabiliti nel campo profughi di Palabek

I Padri Salesiani della provincia dei Grandi Laghi d’Africa, che comprende Ruanda, Uganda e Burundi, hanno commemorato quest’anno la festa di San Giovanni Bosco stabilendosi nel campo profughi di Palabek in Uganda. Padre Julius Luis Makalamba, salesiano di recente ordinato, ha parlato a Vatican News della presenza salesiana tra i rifugiati e di come questa decisione stia portando molti frutti.

Perché i salesiani hanno scelto Palabek
Padre Makalamba ha spiegato che il sacerdote salesiano Lazar Arasu ha sentito parlare del campo profughi mentre svolgeva il suo ministero in una zona non lontana da Palebek. Poi è andato al campo per “vedere e salutare” i rifugiati:

“ Erano così tanti che ho iniziato a insegnare loro il catechismo. È così che è iniziata la nostra missione ”

Come i Salesiani aiutano
La prima risposta di don Makalamba ad una domanda sui servizi che i salesiani offrono, mostra le priorità che hanno scelto. “Li stiamo preparando ai sacramenti”, ha detto. Poi ha parlato dell’aspetto educativo della loro missione. Da quando si sono trasferiti a Palabek, i salesiani hanno iniziato a gestire quattro asili nido e a gennaio sperano di aprire una scuola tecnica in cui offrire una vasta gamma di insegnamenti: “meccanica motoria, agricoltura, sartoria, sartoria, parrucchiere, idraulica e saldatura”. Alcuni insegnanti saranno selezionati tra i rifugiati stessi, altri verranno da Gulu e Kampala. Per provvedere agli stipendi, i salesiani sono in cerca di finanziamenti.
“ Non è facile vivere in quel posto di lavoro. Fa molto caldo e ci sono molte zanzare. Ogni mese almeno uno di noi si ammala di malaria ”

I salesiani vivono con i rifugiati
A differenza di quelli che lavorano per altre agenzie umanitarie e Ong, i salesiani hanno scelto di vivere nel campo tra i rifugiati. Padre Makalamba ha spiegato che se dovessero vivere altrove, sarebbe difficile oltre che ingiusto nei confronti delle persone che servono:

“ Non sarebbe un’alleanza se non fossimo in mezzo a loro. Per noi, per avere un grande impatto sulla loro vita, abbiamo scelto di stare con loro. Non possiamo essere lontani. Come sacerdoti, dobbiamo predicare anche con il nostro esempio di vita in mezzo a loro ”

La comunità salesiana è composta da membri di varie comunità. Padre Makalamba e un altro sacerdote della comunità sono stati ordinati solo da 6 mesi:

“ Vivere con quelle persone è un grande segno per noi. Scopriamo la presenza di Dio lì. Vedere come stanno soffrendo è, naturalmente, un esempio di Gesù in questi poveri in questo momento. ”

Fondi per il concerto di Natale
Poiché i fondi non sono ancora arrivati, i salesiani non hanno deciso come utilizzarli. Tuttavia, Padre Makalamba ha evidenziato che uno dei maggiori problemi del campo è il cibo. A febbraio c’erano 42.000 rifugiati ospitati nel campo, con una media di 300 nuovi arrivati ogni settimana. Oltre un milione di altri rifugiati sono ospitati in altri campi. La maggior parte dei rifugiati, ha detto Makalamba, hanno meno di 20 anni.

“ I giovani sono tantissimi qui e stanno morendo di fame. Quando si vedono le persone che muoiono di fame, è doloroso. Quello che stiamo facendo è cercare fondi, soprattutto per il cibo ”

Informazioni su Palabek
L’insediamento dei rifugiati di Palabek è stato istituito nell’aprile 2017. All’arrivo, i rifugiati ricevono un “kit di avvio” composto da un telone, luci, coperte, pentole e altri oggetti domestici di base. Sono incoraggiati a coltivare l’appezzamento di 30×30 metri di terra che viene loro donato. L’86% delle persone sono donne e bambini.

I salesiani a Palabek
Una catechista del campo non poteva contenere la sua gioia quando, all’inizio del 2018, sentì la notizia dell’arrivo dei salesiani. Non partecipava alla Messa da sei anni. I salesiani si occupano dell’educazione, soprattutto dei bambini. La formazione giovanile, la formazione professionale e l’imprenditorialità sono offerte ai giovani che imparano a gestire le attività nel campo stesso. C’è anche un’attenzione particolare all’igiene, alla fornitura di acqua pulita e ai servizi igienici. Soprattutto, i salesiani sono in grado di fornire ciò che le altre agenzie umanitarie e le Ong non possono dare: assistenza pastorale. Oltre alla Messa e ai sacramento, i salesiani forniscono anche direzione spirituale. Considerano quest’ultimo “il fondamento che dà senso ad altre attività e programmi”.

Non scordatevi di fare clic su “MI PIACE” nella nostra pagina Facebook e di seguirci su Facebook per ricevere tutte le notizie, immagini, video e informazioni sempre aggiornate su Papa Francesco.

Fonte: Vatican News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *