Nel nome del figlio

Nel nome del figlio
Intervista a Tamara Chikunova. Dopo l’arresto ingiustificato e la fucilazione del suo unico figlio ha fondato l’associazione “Madri contro la pena di morte e la tortura”

E’ un fiume in piena, i suoi racconti sono estremamente puntuali, dettagliati e finiscono allo stesso modo: “Tutto ha un limite, tranne la misericordia”. Tamara Chikunova è una donna uzbeka che, a seguito della condanna alla pena capitale del suo unico figlio, il ventottenne Dmitry Chikunov, e la successiva fucilazione avvenuta il 10 luglio 2000, ha fondato l’associazione “Madri contro la pena di morte e la tortura”. Gira il mondo raccontando la sua storia, l’esecuzione immotivata del suo ragazzo, la vicenda che l’ha condotta ad intraprendere la strada accidentata della difesa della tutela dei diritti umani e dell’umanizzazione delle carceri. E lo fa soprattutto in quei paesi dove ancora vige la “punizione estrema” (negli ultimi mesi è concentrata sulla Bielorussia). Nella sua patria la pena di morte grazie anche al suo strenuo lavoro, supportato dalla Comunità di Sant’Egidio, è stata abolita il 1 gennaio 2008 e proprio in virtù del provvedimento sono state salvate centinaia di vite umane che già vivevano da tempo nel braccio della morte.

L’arresto e la tortura

“Ma andiamo per ordine” esordisce immediatamente, concedendo poco spazio alle domande. “Vivevamo e lavoravamo a Tashkent fino a quel maledetto Il 17 aprile 1999. Nell’ufficio di mio figlio si presentarono tre uomini in abiti civili per arrestarlo. Mi trovavo lì al momento della misteriosa visita” spiega Tamara, chiarendo che ebbe fin da subito la sensazione che qualcosa non andava. “Chiesi il motivo di tale provvedimento e mi fu risposto che si trattava di una formalità. Da quel giorno Dmitry non uscì più dal carcere”. Poche ore dopo anche lei venne fermata e interrogata per dodici ore. “Mi picchiarono perché continuavo a chiedere notizie di mio figlio. Riuscii a vederlo solo dopo sei mesi e stentai a riconoscerlo”.

La confessione e la condanna a morte

Attimi indelebili per una madre costretta ad ascoltare episodi di torture e umiliazioni di ogni genere subite dalla persona che amava di più al mondo. Il motivo? “Non accettò di firmare una testimonianza contro se stesso, riconoscendo di aver commesso il duplice omicidio di cui era accusato”. Tamara non prende mai fiato e continua la ricostruzione dei fatti senza tentennamenti. “Fu così condotto sul luogo del crimine, lo fecero inginocchiare, gli legarono le mani dietro la schiena e gli puntarono la pistola in testa. O firmi la confessione o ti spariamo. Fu la minaccia. Ma Dmitry rifiutò ancora ma cedette quando gli fecero ascoltare le urla di disperazione e di dolore durante il mio interrogatorio. Così mio figlio firmò la sua condanna per salvare me”. L’11 novembre a Tashkent fu emessa la sentenza ma Tamara riuscì ad incontrarlo solo sette mesi dopo nel braccio della morte.

Dopo la fucilazione, il testamento

Il 10 luglio, in gran segreto, venne ucciso a colpi di fucile nel carcere di Tashkent”. Il dolore della donna fu incommensurabile, soprattutto se unito alle tante domande che non hanno mai ricevuto risposta. Perché lui e perché tanta crudeltà? Quaranta giorni dopo le venne spedita l’ultima lettera scritta da Dmitry prima di morire: il suo testamento. “Mia cara mamma, ti chiedo perdono se il destino non ci permetterà di incontrarci. Ricorda che io non sono colpevole, non ho ucciso nessuno. Preferisco morire, ma non permetterò a nessuno di farti del male. Ti voglio bene. Sei l’unica persona cara della mia vita. Ti prego, ricordati di me”. E’ dolore, dolore vero e forte, ma composto quello di Tamara che, dopo una insonnia durata due anni segnata da una profonda sete di vendetta, prende su di sé il fardello dell’ultimo desiderio dell’amato figlio e comincia a battersi contro quell’odiato provvedimento “che in troppe parti del mondo ancora viene visto come misura per ridurre i crimini violenti. In questo modo, però, il condannato diventa la vittima di un problema sociale, ostaggio di un crimine compiuto in nome della legge. E’ la vendetta della società!” tiene a sottolineare.

Con la forza del perdono

Il suo obiettivo è dunque quello di battersi per mantenere vivo il ricordo del sacrificio di Dmitry e trasforma il suo dolore in testimonianza concreta al fianco delle vittime. “Con la forza del perdono” commenta. Quindi passa a monitorare i processi, consigliare i parenti dei detenuti sulle possibili azioni da intraprendere, ad aiutarli nella preparazioni di lettere e appelli. “Ripetevo alle donne che si recavano nel braccio della morte per andare a trovare i loro figli, i loro mariti, i fratelli: Non piangete, date loro la forza per combattere ed andare avanti. La vostra è una battaglia per la vita. E non parlate mai di vendetta”. La forza di volontà e le iniziative della sua Associazione, supportata anche dai suoi primi sostenitori, “gli amici della Comunità di S. Egidio”, consentono a Tamara di centrare l’obiettivo.

Abolizione della pena di morte e le vite salvate

Il primo gennaio 2008 l’Uzbekistan abolisce la pena di morte e il paese diventa in quell’anno il 134mo paese abolizionista nel mondo e il terzo dell’Asia Centrale ex Sovietica, dopo Turkmenistan e Kyrgyzstan. Tamara ce l’ha fatta e anche se oggi è cittadina uzbeka “non desiderata”, ha varcato i confini geografici e racconta la sua storia e quella di chi è sopravvissuto. Tra le vite che è riuscita a salvare c’è quella di Evgeny Gugnin: “Per lui era già stata emanata la sentenza” riprende. “Nel braccio della morte fu battezzato ed espresse la volontà di diventare sacerdote qualora fosse riuscito a venir fuori da quell’inferno. Evgeny venne graziato e rilasciato nel 2011. Oggi è studente nel seminario di Tashkent”.

La cartellina di Tamara

Una storia a lieto fine come le tante che Tamara raccoglie in un plico contenente foto e appunti. Una cartellina formato A4 che si apre con la maxi foto del suo adorato figlio, unitamente alla sentenza: “Chikunov Dmitry, 28 anni, cittadino russo, cristiano, non ha alcun valore per la società, e non può essere riabilitato in carcere. Pertanto, per i reati commessi, viene condannato a morte mediante fucilazione”. Nel marzo 2005 Dmitry fu riabilitato post mortem, riconosciuto innocente, e il suo processo dichiarato iniquo perché per lui, come per tanti altri, conclude Tamara “La porta del carcere è stata troppo larga quando è entrato, ma infinitamente stretta nel momento in cui ha tentato di uscire”.

Non scordatevi di fare clic su “MI PIACE” nella nostra pagina Facebook e di seguirci su Facebook per ricevere tutte le notizie, immagini, video e informazioni sempre aggiornate su Papa Francesco.

Fonte: Vatican News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *