Papa Francesco: la lingua materna difende dalle dittature ideologiche

Papa Francesco: la lingua materna difende dalle dittature ideologiche

Nella Giornata mondiale della lingua materna, ricordiamo le parole del Papa sull’importanza della lingua appresa dalle madri: è una lingua capace di resistere alle colonizzazioni ideologiche e di trasmettere la fede

Oggi si celebra la Giornata internazionale della lingua materna, promossa dall’Unesco per promuovere la diversità linguistica e culturale e il multilinguismo. Papa Francesco ha spesso parlato dell’importanza della lingua madre.

Resistere alle colonizzazioni ideologiche custodendo la lingua materna
La lingua materna – sottolinea Papa Francesco – è un baluardo contro le colonizzazioni ideologiche e culturali, contro il pensiero unico che vuole distruggere le diversità. “Uno degli indicatori di una colonizzazione culturale” – ha detto nella Messa a Santa Marta del 23 novembre 2017 – è “cancellare la storia” per togliere la libertà di pensiero. Come a dire: “La storia incomincia con me, incomincia adesso, con il racconto che io faccio adesso, non con la memoria che vi hanno trasmesso”. Conservare la lingua materna significa resistere a questa imposizione culturale: “Non c’è alcuna colonizzazione culturale che possa vincere il dialetto”. Il dialetto “ha radici storiche” .

Le donne portano avanti la memoria e il dialetto
“Anche oggi – afferma il Papa – siamo davanti a tante colonizzazioni che vogliono distruggere tutto e incominciare un’altra volta”, imponendo nuovi “valori”. Ma “ci sono due cose che ci difendono sempre: la memoria e il dialetto”. E “chi porta avanti la memoria e il dialetto?” domanda il Papa: “Le donne, che sono più forti degli uomini”. “Soltanto la forza delle donne è capace di resistere a una colonizzazione culturale e ideologica”: ce lo testimonia la storia – sottolinea – dalla Bibbia fino alle dittature genocide nell’Europa del secolo scorso.

Il dialetto contro gli indottrinamenti
Il segreto della capacità delle donne di difendere con “coraggio e tenerezza” la storia di un popolo sta nella “trasmissione della fede” puntando sulla “memoria” e sul “dialetto”, sulla capacità cioè di farsi capire dai bambini insegnando loro i valori autentici che li salvano dagli “indottrinamenti”. “Le mamme, come le donne sono capaci di difendere un popolo, di difendere la storia di un popolo, di difendere i figli” trasmettendo la fede.

La fede si trasmette con il dialetto
E “come si trasmette la fede? “Si può fare soltanto ‘in dialetto’ – ha detto il 7 gennaio scorso ai genitori presenti nella Cappella Sistina per il Battesimo dei figli – nel dialetto della famiglia, nel dialetto di papà e mamma, di nonno e nonna. Poi verranno i catechisti a sviluppare questa prima trasmissione, con idee, con spiegazioni… Ma non dimenticatevi questo: si fa ‘in dialetto’, e se manca il dialetto, se a casa non si parla fra i genitori quella lingua dell’amore, la trasmissione non è tanto facile, non si potrà fare. Non dimenticatevi. Il vostro compito è trasmettere la fede ma farlo col dialetto dell’amore della vostra casa, della famiglia”. La vera fede – afferma Francesco – si impara dalle labbra della mamma, da quel dialetto che soltanto il bambino può conoscere.

Imparare a parlare il linguaggio degli altri
Incontrando i vescovi peruviani a Lima il 21 gennaio scorso, il Papa parlando dell’evangelizzazione delle popolazioni indigene e dei catechismi tradotti nelle lingue native quechua e aymara, ha osservato che è “necessario imparare a parlare il linguaggio degli altri: solo così il Vangelo” può “essere capito e penetrare nei cuori”. “Non basta solo arrivare in un posto e occupare un territorio, bisogna poter suscitare processi nella vita delle persone perché la fede metta radici e sia significativa. E a tale scopo dobbiamo parlare” la lingua degli altri, “occorre arrivare lì dove si generano i nuovi temi e paradigmi, raggiungere con la Parola di Dio i nuclei più profondi dell’anima delle nostre città e dei nostri popoli. L’evangelizzazione della cultura ci chiede di entrare nel cuore della cultura stessa affinché questa sia illuminata dall’interno dal Vangelo”.

Non scordatevi di fare clic su “MI PIACE” nella nostra pagina Facebook e di seguirci su Facebook per ricevere tutte le notizie, immagini, video e informazioni sempre aggiornate su Papa Francesco.

Fonte: Vatican News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *