Papa Francesco: l’Annunciazione rivoluziona la storia

Papa Francesco: l’Annunciazione rivoluziona la storia

Durante la Messa celebrata a Santa Marta, il Pontefice si sofferma sul mistero dell’Annunciazione, il momento in cui la storia dell’uomo cambia completamente

Un passo del Vangelo di Luca (Lc 1,26-38) “difficile da predicare”, in cui il “Dio delle sorprese” muta il destino dell’uomo. A sottolinearlo è Papa Francesco, durante la Messa celebrata nella cappella della Casa Santa Marta.

Il brano del Vangelo di Luca che abbiamo sentito ci racconta il momento decisivo della storia, più rivoluzionario. È una situazione convulsa, tutto cambia, la storia si capovolge. È difficile predicare su questo brano. E quando a Natale o nel giorno dell’Annunciazione professiamo la fede per dire questo mistero ci inginocchiamo. È il momento che tutto cambia, tutto, dalla radice. Liturgicamente oggi è il giorno della radice. L’Antifona che oggi marca il senso è la radice di Iesse, “dalla quale nascerà un germoglio”. Dio si abbassa, Dio entra nella storia e lo fa con il suo stile originale: una sorpresa. Il Dio delle sorprese ci sorprende (ancora) una volta.

Il Pontefice, durante l’omelia, rilegge nuovamente il Vangelo odierno, in modo che l’assemblea possa riflettere sulla portata dell’Annuncio.

“Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio”. Allora Maria disse: “Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola”. E l’angelo si allontanò da lei.

Non scordatevi di fare clic su “MI PIACE” nella nostra pagina Facebook e di seguirci su Facebook per ricevere tutte le notizie, immagini, video e informazioni sempre aggiornate su Papa Francesco.

Fonte: Vatican News

2 thoughts on “Papa Francesco: l’Annunciazione rivoluziona la storia

  1. Questo immenso dono della venuta di Dio sulla terra, per insegnarci amore, aiuto reciproco, fratellanza, non lo abbiamo capito, messo in pratica, per questo il Natale e’ divenuta una festa consumistica nell’insegna di tanti costosi regali, svelando una crisi che non c’e’, indifferenza verso chi cerca aiuto per un letto,un pezzo di pane–siamo la vergogna umana———Ivana Barbonetti

  2. Dio si e’ fatto piccolo piccolo per insegnarci amore, rispetto, condivisione, unita’, Maria e Giuseppe hanno rinunciato a Lui per offrirlo a tutti noi–Prego che a Natale tutti comprendiamo questo, viviamo questo, allora sara’ veramente Natale———–Ivana Barbonetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *