Papa: l’apostolato della prevenzione è la chiave contro gli abusi

Papa: l’apostolato della prevenzione è la chiave contro gli abusi
In un videomessaggio in spagnolo rivolto agli studenti di un corso sui protocolli e i processi di prevenzione per la tutela dei minori, in programma, fino al prossimo 26 luglio, alla Pontificia Università del Messico, il Papa sottolinea l’importanza della prevenzione

La protezione dei minori è “un problema serio”. Tutti conosciamo “le vergogne” che tale problema ha portato alla Chiesa, che i nostri membri siano coinvolti in questi crimini. “Nessuno abusi i minori”, nessuno impedisca loro di incontrare Gesù. È quanto sottolinea Papa Francesco nel videomessaggio rivolto, nei giorni scorsi, ai partecipanti al corso promosso in Messico dal Centro di ricerca e formazione interdisciplinare per la protezione dei minori (Ceprome).

Prevenzione
Un corso importante – rileva il Papa – per tutti i minori, perché nessuno li abusi. “Lasciate che vengano a me”. Ricordando le parole di Gesù, Francesco sottolinea che chiunque – sia religioso, laico o vescovo – “impedisca ad un ragazzo di raggiungere Gesù, deve essere fermato nei suoi atteggiamenti, corretto se siamo in tempo, o punito, se c’è di mezzo un crimine”. “Prevenire, prevenire”. È questa la chiave, aggiunge Francesco, per fare in modo che i ragazzi non vengano abusati. Questo, afferma il Pontefice, è “l’apostolato della prevenzione”. “Don Bosco – prosegue il Papa – intuì questo e istituì un modo di agire nell’educazione che fu chiamato sistema preventivo”, “criticato nei periodi più illuministi dell’istruzione” e in seguito ci si rese conto che aveva un grande valore. Tale sistema – spiega Francesco – ha un grande valore “perché non sai mai dove potrebbero abusare di un ragazzo, dove un ragazzo sarà deviato, dove gli insegneranno a fumare la droga, che è una forma di corruzione”. “Non pensiamo – aggiunge – solo all’abuso sessuale, ma a qualsiasi tipo di abuso”.

L’attività del Ceprome
Il corso è stato inaugurato nell’auditorium della Pontificia Università del Messico dal nunzio apostolico, mons. Franco Coppola, con una prolusione incentrata sul tema “La prevenzione degli abusi nella Chiesa latinoamericana”. Il Ceprome è nato da un accordo di collaborazione, nel 2016, tra la Pontificia Università del Messico e il Centro per la protezione dell’infanzia, con sede presso l’Università Gregoriana di Roma. Il Centro, diretto dal sacerdote e psicologo p. Daniel P. Trevizo Portillo, organizzerà anche il primo Congresso latinoamericano sulla prevenzione degli abusi sui minori, in programma dal 6 all’8 novembre prossimi. Il 16 luglio, la Conferenza episcopale del Messico ha convocato una Giornata di preghiera per le vittime di abusi sessuali da parte di religiosi.

Non scordatevi di fare clic su “MI PIACE” nella nostra pagina Facebook e di seguirci su Facebook per ricevere tutte le notizie, immagini, video e informazioni sempre aggiornate su Papa Francesco.

Fonte: Vatican News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *