Papa: lo Spirito Santo dà forza per essere sale e luce

Papa: lo Spirito Santo dà forza per essere sale e luce

Il sacramento della Confermazione è al centro stamani della catechesi del Papa all’udienza generale in Piazza San Pietro. Francesco prosegue, dunque, la sua riflessione sui sacramenti

“Soltanto lo Spirito di Cristo” può renderci “sale che dà sapore” e “luce che rischiara il mondo”. Lo ha detto Papa Francesco nella catechesi all’udienza generale, dedicata oggi al sacramento della Confermazione, dopo quelle sul Battesimo delle scorse settimane. Quindicimila circa i fedeli presenti in Piazza San Pietro, anche tanti bambini, che hanno sfidato il cielo grigio.

Senza lo Spirito Santo non possiamo fare nulla
Il sacramento della Confermazione si chiama così perché rafforza il Battesimo, spiega il Papa. Viene anche chiamata Cresima perché si riceve lo Spirito Santo mediante l’unzione con il “crisma”, l’olio misto a profumo consacrato dal vescovo: un termine che rimanda a “Cristo”, “l’Unto di Spirito Santo”. E mentre con il Battesimo si rinasce alla vita divina, serve poi “comportarsi da figli di Dio” e a ciò provvede proprio l’unzione dello Spirito Santo, ricorda Francesco: “Senza la forza dello Spirito Santo – ribadisce – non possiamo fare nulla: è lo Spirito che ci dà la forza per andare avanti”.

Diventare sale giusto e luce giusta
Momenti centrali in relazione allo Spirito Santo, sono anche la sera di Pasqua e la Pentecoste. “Il ‘Respiro’ del Cristo Risorto riempie di vita i polmoni della Chiesa”, sottolinea Francesco che spiega come “la Pentecoste – che abbiamo celebrato domenica scorsa – è per la Chiesa ciò che per Cristo fu l’unzione dello Spirito ricevuta al Giordano”, cioè è “l’impulso missionario a consumare la vita per la santificazione degli uomini, a gloria di Dio”.

Lo Spirito Santo è il grande dono di Dio:
E nel momento di fare l’unzione, il vescovo dice questa parola: “Ricevi lo Spirito Santo che ti è stato dato in dono”: è il grande dono di Dio, lo Spirito Santo. E tutti noi abbiamo lo Spirito dentro. Lo Spirito è nel nostro cuore, nella nostra anima. E lo Spirito ci guida nella vita perché noi diventiamo sale giusto e luce giusta agli uomini.

La testimonianza cristiana è fare quello che lo Spirito chiede
Quindi, il Papa sottolinea che “nella Confermazione è il Cristo a colmarci del suo Spirito, consacrandoci suoi testimoni”. E che “abbiamo ricevuto lo Spirito” si vede, quindi, se compiamo le opere dello Spirito stesso. La testimonianza cristiana, infatti, consiste nel “fare solo e tutto quello che lo Spirito di Cristo ci chiede, concedendoci la forza di compierlo”.

La carta identitaria di Gesù
Tutta la riflessione del Papa si è dipanata attorno al brano evangelico letto oggi all’udienza. Nella sinagoga di Nazareth, Gesù dichiara: “Lo Spirito del Signore è sopra di me”. “E’ bello – nota il Papa – come Gesù si presenta, qual è la carta identitaria di Gesù nella sinagoga di Nazareth”: colui che è stato unto dallo Spirito.

Il Papa prega per l’Ucraina: Dio guarisca le ferite della guerra
Tra i pellegrini presenti in Piazza anche alcuni provenienti dall’Ucraina per il 60° Pellegrinaggio Militare Internazionale a Lourdes. “Incessantemente – ha detto il Papa nel salutarli – prego il Signore affinché guarisca le ferite inflitte dalla guerra e doni la sua pace alla cara terra ucraina”.

Non scordatevi di fare clic su “MI PIACE” nella nostra pagina Facebook e di seguirci su Facebook per ricevere tutte le notizie, immagini, video e informazioni sempre aggiornate su Papa Francesco.

Fonte: Vatican News

One thought on “Papa: lo Spirito Santo dà forza per essere sale e luce

  1. ho 70 anni, prevalentemente tribolati affrontando grossi e gravi problemi , ora chiedevo un “poco” di serenita’, ma il mio “percorso” non lo prevede. Domandandomi come riuscivo ancora a “combattere”, a stare in piedi, intorno a me un’ecatombe di lassismo, lascia perdere, chi te lo fa a fare ecc. ecc.—–Ho scoperto lo Spirito Santo in me, ringrazio prima di tutto Dio per questo dono, a Maria e Giuseppe chiedo aiuto per essere umile e obbediente a Dio come lo furono loro. Molto ascolto silenzioso e nelle faccende giornaliere il pensiero costane a Dio, serenamente con amore, nelle difficolta’ nelle brutture che fanno parte di questa terra, un raggio di luce viene a illuminare quelle “brutture”, allora le guardi con misericordia, sembrano meno brutte,
    chiedi a Dio di vedere con te, chiedi a Dio; fammi giustizia, come vuoi TU ma fammi giustizia,
    fiduciosa che ascolta, che provvedera’. ——Ivana Barbonetti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *