Quelle mani tese di Paolo VI, innamorato del mondo e della Chiesa

quelle-mani-tese-di-paolo-vi-innamorato-del-mondo-e-della-chiesaPresentato ieri nella Villa Magistrale, sede del Sovrano militare ordine di Malta, il nuovo libro dedicato a Paolo VI scritto da monsignor Leonardo Sapienza, Reggente della Prefettura della Casa Pontificia. Il testo, ricco di testimonianze e documenti inediti, ha l’obiettivo di raccontare l’apertura d’anima e di cuore di un grande Papa e un grande santo

Il titolo della nuova fatica letteraria di monsignor Leonardo Sapienza riprende le parole che Benedetto XVI pronunciò alcuni giorni dopo la morte di Paolo VI, nel 1978: “Un uomo che tende le mani”. L’immagine plastica dell’apertura d’anima e di cuore di Giovanni Battista Montini è raccontata con ricchezza di particolari e precisione dei fatti storici nel testo del Reggente della Prefettura della Casa Pontificia edito da San Paolo. Non una biografia ma la ‘voce’ di testimonianze e documenti, anche inediti, che evidenziano l’amore del Papa santo per la Chiesa e per l’umanità.

L’amore per la famiglia e la passione per il mondo
Scrive monsignor Sapienza nella sua introduzione: Paolo VI “vedeva la scena del mondo come il campo di Dio dove operare e incarnare il Vangelo. E ha saputo gettare un ponte sul mondo, per portarvi il fermento evangelico, e per rigenerarlo in profondità”. Ecco allora che il lettore si imbatte nella lettera traboccante di affetti familiari al fratello Lodovico, nel discorso appassionato agli artisti, nella volontà di proseguire il Concilio Vaticano II, nella narrazione dei suoi viaggi. “ Paolo VI – scrive ancora monsignor Sapienza – è andato incontro al mondo con le braccia spalancate, sapendo che questo esigeva un cuore immenso, un cuore fermo, un cuore ardente, un cuore eroico”.

Clicca qui per acquistare una copia del libro

Paolo VI Un uomo che tende le mani Copertina flessibile

Manoscritti preziosi
Nel libro, composto da poco più di trecento pagine sempre vivaci, parte rilevante l’assume un corposo gruppo di manoscritti, che vanno dal 1956 al 1978. Sono 61 ‘minute’, appunti presi da Montini su documenti ufficiali o per abbozzare la preparazione di udienze o discorsi ufficiali. Un lavoro d’archivio paziente e metodico che non appesantisce la struttura della narrazione ma la rende fluida mettendo in correlazione fatti, momenti storici, contesti.

“ A noi rimane l’esempio di un grande Papa; il suo intenso, profondo, e acuto magistero che conserva fino ad oggi la sua attualità; la sua fede profonda in Dio e nell’uomo; il suo amore per la Chiesa”

L’inedito sul caso ‘Lercaro’
Merito di monsignor Sapienza è anche quello di aver portato alla luce, per la prima volta, una lettera di Paolo VI indirizzata al cardinale Giacomo Lercaro, dimessosi nel 1968 da arcivescovo di Bologna ufficialmente per motivi di salute. Nella missiva, inviata pochi mesi dopo il fatto, il Papa esprime vicinanza al porporato e dalle sue parole si evince che a far dimettere Lercaro fu una pressione della Curia Romana e il Papa non aveva alcuna responsabilità. Nelle conclusioni del libro, monsignor Sapienza rivela: “A noi rimane l’esempio di un grande Papa; il suo intenso, profondo, e acuto magistero che conserva fino ad oggi la sua attualità; la sua fede profonda in Dio e nell’uomo; il suo amore per la Chiesa”.

Non scordatevi di fare clic su “MI PIACE” nella nostra pagina Facebook e di seguirci su Facebook per ricevere tutte le notizie, immagini, video e informazioni sempre aggiornate su Papa Francesco.

Fonte: Vatican News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *