Solidarietà e preghiera per Beirut ferita

solidarieta-e-preghiera-per-beirut-ferita
Dopo le due tremende esplosioni, che hanno devastato la capitale del Libano, si è messa in moto la solidarietà internazionale. La Caritas ha subito lanciato un piano di emergenza in aiuto delle famiglie rimaste senza casa e parrocchie e santuari hanno aperto le loro porte a quanti sono nell’emergenza

La Caritas Internationalis in poche ore si è mobilitata e ha messo in piedi un piano immediato di emergenza per aiutare i sopravvissuti alle esplosioni avvenute ieri pomeriggio a Beirut, in Libano. Con questo gesto Caritas Internationalis in una nota, esprime la sua “solidarietà e vicinanza alla Chiesa, al popolo e alla Caritas libanese. Aloysius John, segretario generale dell’organismo, evidenzia che il disastro ha causato “un ulteriore danno a un Paese già in ginocchio a causa della crisi economica e politica, delle violenze, della pandemia di Covid-19 e delle conseguenze delle sanzioni economiche imposte alla Siria”. John esorta quindi la comunità internazionale ad “intervenire con urgenza e incondizionatamente al fine di aiutare la popolazione”. “Devono essere sostenuti gli sforzi delle organizzazioni della società civile di ispirazione religiosa – ribadisce – in particolare Caritas Libano che è presente in tutto il Paese”. “È essenziale – conclude – che la comunità internazionale agisca con decisione per alleviare le sofferenze della popolazione”, la quale “deve fronteggiare anche una grave crisi alimentare”.

Cibo e medicinali per le famiglie colpite
Padre Michel Abboud, presidente di Caritas Libano nell’intervista di Giancarlo Lavella, esorta a fornire medicinali, cibo, beni di prima necessità e alloggi alle tante famiglie, alle quali la tragedia ha tolto tutti i beni materiali. “Il Paese si è fermato e stiamo vivendo un incubo – afferma. Non abbiamo nulla per aiutare la popolazione. Beirut è devastata e siamo totalmente sopraffatti dalla portata degli eventi”:

Sulla linea di padre Abboud, Rita Rhayem, direttore di Caritas Libano: “È una situazione terribile e disastrosa, questa è la prima volta che affrontiamo un’emergenza di tale portata”. Ma anche in questo contesto “apocalittico”, “noi non ci fermiamo e andiamo avanti per aiutare tutte le persone in difficoltà”, sottolinea la Rhayem.

Parrocchie e luoghi di culto aperti per i senza tetto
La mobilitazione a Beirut è anche capillare e, alle esigenze della popolazione, stanno rispondendo anche parrocchie, conventi, santuari, che hanno subito messo a disposizione i propri locali per ospitare le tante famiglie, che si trovano prive di tutto. Fausta Speranza ha raccolto la testimonianza di padre Khalil Alwan, vicerettore del Santuario di Harissa, vicino Beirut, che ha subito aperto le porte a quanti si trovano in drammatica emergenza:

In questi momenti, afferma padre Alwan, oltre al supporto materiale per chi soffre, non deve mai mancare la preghiera. Dopo questa tragedia, afferma con emozione: “Abbiamo messo il Libano nelle mani del Signore”.

Non scordatevi di fare clic su “MI PIACE” nella nostra pagina Facebook e di seguirci su Facebook per ricevere tutte le notizie, immagini, video e informazioni sempre aggiornate su Papa Francesco.

Fonte: Vatican News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *