Vescovi Sud Corea: speranze per la riconciliazione e l’unità

Vescovi Sud Corea: speranze per la riconciliazione e l’unità
“Possa l’anno 2020, che segna il 70° anniversario dello scoppio della Guerra di Corea, diventare l’inizio di un’era nuova di pace e unità, superando la tragedia della divisione nazionale”. Così in un messaggio, mons. Igino Kim Hee-joong, arcivescovo di Gwangju e presidente della Conferenza episcopale coreana, dopo l’incontro tra Presidente degli Stati Uniti, Trump, e il leader nordcoreano Kim Jong-un

L’incontro si è tenuto domenica 30 giugno a Panmunjeom, una città – sottolinea mons. Hee-jong – che è “simbolo della divisione della penisola coreana”. L’evento, aggiunge il presule, rappresenta “una pietra miliare storica per la pace nella penisola coreana, nel nord-est asiatico e nel mondo”. Mons. Hee-joong ricorda, inoltre, che il 25 giugno scorso, in occasione 69° anniversario della “fratricida guerra di Corea”, la Chiesa cattolica ha celebrato la “Giornata di preghiera per la Riconciliazione e l’unità del popolo coreano”, sul tema “Beati di operatori di pace”. Per l’occasione, si è svolta una “Messa per la pace” a Imjingak, un villaggio situato nella Zona demilitarizzata (la così detta Dmz) al confine con la Corea del Nord.

Sostegno e incoraggiamento internazionale
“La Chiesa cattolica in Corea chiede che si continui a promuovere incontri di dialogo e scambio e chiede anche alla comunità internazionale sostegno e incoraggiamento”, scrive il presidente dei vescovi, auspicando che i summit tra Corea del Sud, Stati Uniti e Corea del Nord possano portare “buone notizie per ridurre l’ansia e contemporaneamente aumentare la speranza”. “Nonostante tutte le difficoltà che ha incontrato il viaggio verso una pace duratura nella penisola coreana”, ha concluso l’arcivescovo, “il giorno della riconciliazione e dell’unità dei coreani arriverà presto”.

L’appello del Papa
Da ricordare che domenica 30 giugno, all’Angelus, anche Papa Francesco aveva espresso le sue speranze per l’incontro Trump-Jong-Un: “Nelle ultime ore – ha detto il Pontefice – abbiamo assistito in Corea a un buon esempio di cultura dell’incontro. Saluto i protagonisti, con la preghiera che tale gesto significativo costituisca un passo ulteriore nel cammino della pace, non solo su quella penisola ma a favore del mondo intero”.

Non scordatevi di fare clic su “MI PIACE” nella nostra pagina Facebook e di seguirci su Facebook per ricevere tutte le notizie, immagini, video e informazioni sempre aggiornate su Papa Francesco.

Fonte: Vatican News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *