San Placido, Monaco

San Placido, Monaco

Fu, assieme a Mauro, uno dei più noti discepoli di san Benedetto. Dei due, Placido era forse il più giovane: poco più che un fanciullo, quando venne posto sotto la guida dell’abate Benedetto.

Per questo viene considerato patrono dei novizi benedettini. A Placido, oltre che a Mauro, è attribuito un celebre episodio miracoloso narrato da san Gregorio Magno nei suoi Dialoghi.

Mentre Benedetto era nella sua cella, un giorno, il giovane Placido si recò ad attingere acqua nel lago. Perse l’equilibrio e cadde nella corrente, che subito lo trascinò lontano dalla riva.

L’abate, nella cella, conobbe per rivelazione l’accaduto. Chiamò Mauro e gli disse di correre in soccorso del confratello. Mauro si affrettò ad obbedire correndo sull’acqua, fino a raggiungerlo e trarlo in salvo.

San Placido, invocato per tutto l’Alto Medioevo come “Confessore”, venne trasformato in martire alla fine dell’XI secolo. Un fantasioso biografo compose infatti un falso racconto della sua Passione, sofferta in Sicilia, per opera dei Saraceni.

Patronato: Novizi monaci

Etimologia: Placido = colui che è dolce e mansueto

Martirologio Romano: Commemorazione di san Placido, monaco, che fu sin dalla fanciullezza discepolo carissimo di san Benedetto.

Fonte: santiebeati.it

Lascia un commento trovare donne su facebook

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *