Omelia del 12 Febbraio 2024: Vangelo e Parola del Giorno

Omelia del 12 Febbraio 2024: Vangelo e Parola del Giorno

PAROLA DEL GIORNO


Dalla lettera di san Giacomo apostolo
1, 1-11

Giacomo, servo di Dio e del Signore Gesù Cristo, alle dodici tribù che sono nella diaspora, salute.
Considerate perfetta letizia, miei fratelli, quando subite ogni sorta di prove, sapendo che la vostra fede, messa alla prova, produce pazienza. E la pazienza completi l’opera sua in voi, perché siate perfetti e integri, senza mancare di nulla.
Se qualcuno di voi è privo di sapienza, la domandi a Dio, che dona a tutti con semplicità e senza condizioni, e gli sarà data. La domandi però con fede, senza esitare, perché chi esita somiglia all’onda del mare, mossa e agitata dal vento. Un uomo così non pensi di ricevere qualcosa dal Signore: è un indeciso, instabile in tutte le sue azioni.
Il fratello di umile condizione sia fiero di essere innalzato, il ricco, invece, di essere abbassato, perché come fiore d’erba passerà. Si leva il sole col suo ardore e fa seccare l’erba e il suo fiore cade, e la bellezza del suo aspetto svanisce. Così anche il ricco nelle sue imprese appassirà.


VANGELO DEL GIORNO


Dal Vangelo secondo Marco
Gv 8, 11-13

In quel tempo, vennero i farisei e si misero a discutere con Gesù, chiedendogli un segno dal cielo, per metterlo alla prova.
Ma egli sospirò profondamente e disse: «Perché questa generazione chiede un segno? In verità dico: a questa generazione non sarà dato alcun segno».
Li lasciò, risalì sulla barca e partì per l’altra riva.


PAROLE DEL SANTO PADRE


La vita cristiana deve svolgersi su questa musica della pazienza, perché è stata proprio la musica dei nostri padri, il popolo di Dio, quelli che hanno creduto alla parola di Dio, che hanno seguito il comandamento che il Signore aveva dato al nostro padre Abramo: “Cammina davanti a me e sii irreprensibile”. Quanto paziente è il nostro popolo! Ancora adesso, quando andiamo nelle parrocchie, e troviamo quelle persone che soffrono, che hanno problemi, che hanno un figlio disabile, o hanno una malattia, ma portano avanti con pazienza la vita, non chiedono segni, come questi del Vangelo che volevano un segno: “Dateci un segno!” No, non chiedono, ma sanno leggere i segni dei tempi. Sanno che quando germoglia il fico viene la primavera, sanno distinguere quello. Invece questi impazienti del vangelo d’oggi, che volevano un segno, non sapevano leggere i segni dei tempi, per questo non hanno riconosciuto Gesù. E questa gente, nel nostro popolo, nelle nostre parrocchie, nelle nostre istituzioni, tanta gente, è quella che porta avanti la Chiesa, con la sua santità di tutti i giorni, di ogni giorno. Fratelli, considerate perfetta letizia quando subite ogni sorta di prova, sapendo che la vostra fede messa alla prova produce pazienza. E la pazienza completi l’opera sua in voi, perché siate perfetti e integri, senza mancare di nulla. Il Signore dia a tutti noi la pazienza, la pazienza gioiosa, la pazienza del lavoro, della pace. Ci dia la pazienza di Dio, quella che lui ha, e ci dia la pazienza del nostro popolo fedele, che è tanto esemplare.

(Omelia da Santa Marta, 17 febbraio 2014)

Lascia un commento donne cercano uomini roma

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *